PETER MANNING – GUEST PROFESSOR

PETER MANNING – GUEST PROFESSOR

La carriera di Peter Manning include la direzione della Royal Philarmonic Chamber Orchestra, della Edsberg Chamber Orchestra, della “BBC Simphony Orchestra”, della Odense Symphony Orchestra, della Music Vitae e dei Solisti della Royal Opera House. Attualmente è Primo violino della Royal Opera House e Direttore artistico della Musica Vitae, Svezia, dei Solisti della Royal Opera House e Direttore ospite della Dallas Opera Texas USA.

È Direttore artistico della Manning Camerata, gruppo classico del ventunesimo secolo, da lui fondato nel 2005 allo scopo di creare eventi innovativi che, incentrati sulla musica, ridonino vigore anche ad altre discipline.

Manning ha iniziato a suonare il violino a 5 anni, ha frequentato la Chetham’s School of Music a Manchester, dove ha studiato con Yossi Zivoni, con Josef Gingold negli USA e con Nathan Milstein. Ha vinto tutti i più importanti concorsi per archi al Royal Northern College of Music, si è laureato con lode in esecuzione. Gli sono state assegnate le più prestigiose borse di studio, quella della Royal Society of Arts, della Martin Musical Scolarship, della Harold Craxton Memorial Trust e della Indiana University grazie alle quali ha potuto proseguire gli studi.

Alla vigilia della sua partenza per gli Stati Uniti è stato premiato alla Anderson International Vìolin Competition e ha vinto il primo premio e la medaglia d’oro alla Royal Overseas League Competition.

Nominato Professore di Violino al Royal Northern College of Music nel 1981, ha ceduto l’incarico nel 1983 quando è stato invitato a diventare Leader della London Philarmonic.

Dopo aver acquisito una grande esperienza lavorando con direttori come Sir George Solti, Klaus Tennstedt, Sir Simon Rattle, Bernard Haitink e Evgeny Svetlanov, ha lasciato l’Orchestra per fondare nel 1986 il Britten Quartet con il quale che ha  avviato una attività artistica di respiro internazionale coronata da una notevole produzione discografica. Nell’arco di dieci anni infatti sono stati pubblicate oltre venti registrazioni.

Il Britten Quartet è stato il primo quartetto britannico a cui è stato offerto un contratto EMI in esclusiva e, ad oggi si contano oltre venti dischi nei quali sono state affrontate opere di Beethoven, Schubert, Schnittke, Ravel, Verdi, Brahms, Cherubini, Janáček, Tippet, Prokofieff, Britten e Vaughan Williams.

Manning ha debuttato alla Royal Festival Hall con la Philarmonia in una trasmissione radiofonica dal vivo. Da allora si è esibito con la City of Birmingham Symphony Orchestra, la Hallé, la Ulster, la London Mozart Players, la London Philarmonic, la Philarmonia, la BBC Concert Orchestra, la Scottish Chamber Orchestra, BBC Scottish, la Hong Kong Philarmonic e la Royal Philarmonic, la Oulu Chamber Orchestra e la Gothenburg Symphony Orchestra.

È conosciuto a livello internazionale ed è stato in  tournée in Francia, Germania, Paesi Bassi, Belgio, Spagna, Scandinavia, Estremo Oriente, Stati Uniti, Sud America e Russia ospite delle ribalte più prestigiose.

L’Industria discografica tedesca gli ha conferito il Premio Schallplatten.

Il suo repertorio, già nutrito e di ampio respiro, continua ad arricchirsi di suoi arrangiamenti orchestrali e di nuovi lavori coreografici e teatrali da lui commissionati.

I suoi arrangiamenti per orchestra di Schnittke sono stati pubblicati dalla Universal Edition di Vienna e dalla Schott London.

Ha inoltre recentemente pubblicato gli arrangiamenti dei Tippet String Quartets for Orchestra.

È membro della Royal Society of Arts e del Royal Northern College of Music ed è membro onorario del Royal College of Music.

Nel 2013 è stato nominato Professore aggiunto per lo sviluppo di nuovi progetti presso l’Università di Edimburgo e al Conservatorio Reale di Scozia, allo scopo di promuovere nuove iniziative nell’ambito dei Festival internazionali di Edimburgo, ed ha fondato l’Oxygen Festival.

 

Competenze

Postato il

26 marzo 2017